Home / Workout / Workout Cardio / Fitness / Articoli Workout Cardio / Fitness / Gli smartband non aiutano a perdere peso

Gli smartband non aiutano a perdere peso

Secondo uno studio del Journal of the American Medical Association, l’utilizzo di smartband non aiuta a perdere peso. Meglio preferire i sistemi tradizionali.

Fare esercizio è fondamentale per perdere peso, per questo motivo molta gente utilizza bracciali per fitness per misurare i progressi e cercare di migliorare il proprio rendimento.

smartband

Ciò nonostante, stando a un nuovo studio, questi braccialetti, denominati anche braccialetti d’allenamento o smartband, potrebbero non apportare i benefici che inizialmente si era pensato.

Praticamente ogni grande azienda di gadget ha un dispositivo di questo tipo nel proprio catalogo, che sia uno smartwatch (orologio intelligente) o direttamente sotto forma di braccialetto, quindi la loro implementazione nelle routine d’allenamento è diventato qualcosa di normale tra gli sportivi.

La tecnologia non basta per dimagrire

Adesso, in base a uno studio del Journal of the American Medical Association durato due anni e che ha coinvolto 470 volontari di età compresa tra i 25 e i 40 anni, i benefici di questi dispositivi per la perdita di peso non sono dimostrati e si arriva persino ad affermare che potrebbero ritardare il processo.

Di questi volontari, una metà ha ricevuto smartband dopo alcuni mesi di esercizio e perdita di peso per continuare a misurare i propri progressi. E anche se hanno continuato a diminuire di peso, il ritmo è diventato più lento rispetto a quelli che non hanno utilizzato i dispositivi: il gruppo con gli smartband ha perso in media 3,5 KG in due anni contro la media di 5,89 KG che ha perso il gruppo che ha monitorato la propria attività con metodi più tradizionali.

In generale, il metodo più semplice per monitorare l’attività fisica è semplicemente misurare il tempo e le distanze, oltre al ritmo cardiaco durante la corsa, per poi paragonarlo con le misurazioni precedenti.

Gli Smartband offrono dati più completi e suggeriscono una velocità medie, i passi effettuati e molti altri dati che, secondo lo studio in questione, non sono di aiuto per perdere perso, anche se possono servire agli sportivi ad avere maggiori informazioni sugli allenamenti.

About Aaron

Potrebbe interessarti

uno contro tutti

L’allenamento psicologico: uno contro tutti

Non sarà il solito articolo oggettivo. No, questa volta voglio toccare la sfera personale, rivelandovi …

Rispondi